Home / Sergio Brugnoli / DA LUGANO A SANTA MARIA DI LEUCA E RITORNO diario di viaggio / 7° giorno / Otranto 21

Partiamo in direzione di Otranto. Il termometro, alle 10, segna già 28° e l’umidità è palpabile. Percorriamo la litoranea ed arriviamo ad Otranto. Chiamata anche "Porta d'Oriente", si affaccia nello stretto che prende il suo stesso nome, il Canale d'Otranto, situato a sud dell'Adriatico, nel punto più orientale d'Italia. Ancora oggi conserva l'aspetto caratteristico delle antiche città commerciali che si affacciavano sul Mediterraneo. Da qui è possibile intravedere le montagne dell'Albania, distanti 70 miglia nelle giornate più limpide. Visitiamo il centro storico. Entriamo nella cattedrale con un pavimento a mosaico incredibilmente bello, percorriamo le viuzze con tanti negozietti incantati da tanta bellezza. C’è molta gente.